• banner 1
  • banner 2
  • banner 3
  • banner 4
banner 11 banner 22 banner 33 banner 44
Wordpress Carousel by WOWSlider.com v4.8m
 
 
 
 
 
 
A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z  
 
 
Fabulazione: (lat. fabulatio, discorso, conversazione) produzione immaginaria della mente. In psichiatria si rileva in certi casi deliranti, nei mitomani e nella sindrome di Korsakov.   
 
Fading: nella terapia comportamentale indica una procedura di apprendimento basata su stimoli che forniscono progressivamente sempre meno aiuto al soggetto, con il fine di stabilizzare nella persona le risposte apprese.  
 
Familiarità (di una patologia): termine utilizzato per indicare il grado di incidenza di una patologia all'interno di una famiglia. Una malattia che colpisce più membri della stessa famiglia possiede un alto grado di familiarità.   
 
Fase orale: termine utilizzato da Freud per descrivere lo sviluppo del bambino nei primi 18 mesi di vita, durante i quali il piacere dell'infante è situato nella zona della bocca. È la prima fase dello sviluppo psicosessuale.   
 
Fase anale: seconda fase dello sviluppo psicosessuale del bambino secondo il modello di Freud. Va dai 18 ai 36 mesi ed è contraddistinta dall'interesse del bambino verso la zona anale e dal senso di appagamento suscitato dall'acquisizione di padronanza nella gestione dei movimenti sfinterici.  
 
Fase fallica: terza fase dello sviluppo psicosessuale secondo il modello proposto da Sigmund Freud. In questa fase l'energia della libido si sposta dalla regione anale alla regione genitale, e vede la comparsa del complesso di Edipo nei maschi e del complesso di Elettra nelle femmine.   
 
Fase di latenza: quarta fase dello sviluppo psicosessuale che vai dai 4-5 anni alla pubertà. Durante tale periodo il bambino accantona momentaneamente le pulsioni sessuali per concentrare le sue energie in attività di tipo produttivo, quali le relazioni di amicizia, la scuola, lo sport etc.   
 
Fase genitale: quinta ed ultima fase dello sviluppo psicosessuale che inizia con la pubertà e si protrae per tutta la vita. Le pulsioni sessuali vengono sublimate e organizzate in modo da favorire le relazioni con l'altro sesso, formare una coppia e consentire la riproduzione.  
 
Fase simbiotica: nella teorizzazione di Margaret Mahler fase precoce nella vita dell'infante in cui il piccolo vive in completa simbiosi con la madre, credendo che ella faccia parte di se stesso.  
 
Favole della Düss: test basato su piccole favole o storie nelle quali un protagonista si trova in una determinata situazione che rimanda ad uno dei diversi stadi dello sviluppo psicosessuale (stadio orale, anale, edipico, ecc.). Il metodo delle storie da completare risulta essere un mezzo di indagine rapido, sostitutivo dell'interrogatorio psicoanalitico diretto del bambino.  
 
Feedback: termine inglese che significa retroazione e che può essere usato in molti contesti diversi. Nell'ambito della comunicazione un feedback è la risposta che si riceve a una comunicazione.  
 
Fenomenologico (metodo): metodo tipico della psicologia della Gestalt, e di studi sulla percezione e l'intelligenza, che si basa su un'osservazione accurata e sistematica delle caratteristiche della nostra esperienza, prodotto sia dalla presa di contatto con il mondo esterno, sia dall'auto-osservazione dei processi mentali che si svolgono dentro di noi.  
 
Feticismo: parafilia che consiste nell'uso sessuale di oggetti inanimati (feticci). Tra i più comuni oggetti feticistici vi sono mutande, reggiseni, calze, scarpe, stivali, o altri accessori di abbigliamento femminile.  
Il feticista spesso si masturba mentre tiene in mano, si strofina contro, o odora l'oggetto feticistico, oppure può chiedere al partner sessuale di indossare l'oggetto durante gli incontri sessuali. Di solito il feticcio è necessario o di gran lunga preferito per l'eccitazione sessuale, e in sua assenza possono esservi disfunzioni dell'erezione nei maschi.  
 
Fissazione: in psicanalisi fenomeno psichico che si genera quando una pulsione o una componente pulsionale non riesce a tenere il passo con l'evoluzione normalmente prevista e a causa di questa inibizione nel suo sviluppo, permane in uno stadio più infantile.   
 
Flashback: ripresentarsi di ricordi, sentimenti, o esperienze percettive del passato.  
 
Flooding: nella terapia comportamentale indica una procedura che consiste nell'esporre la persona fobica a ciò che teme per periodi sempre più elevati, con il fine di estirpare la reazione di paura.   
 
Fobia: disturbo d'ansia che consiste in una paura intensa, irrazionale e persistente di determinate attività, oggetti, situazioni o persone che può limitare gravemente l'autonomia e il funzionamento del soggetto. È possibile sviluppare fobie per gli oggetti e le situazioni più disparate.   
 
Fobia sociale: disturbo d'ansia che consiste in una paura marcata e persistente (fobia) che riguarda le situazioni sociali o di prestazione che possono creare imbarazzo.  
 
Frotteurismo: parafilia che consiste nel toccare e strofinarsi contro una persona non consenziente. Il comportamento di solito si manifesta in posti affollati, da cui il soggetto può facilmente sottrarsi all'arresto (per es. marciapiedi affollati o mezzi di trasporto pubblico). Il soggetto strofina i propri genitali contro le cosce o le natiche della vittima oppure palpeggia i suoi genitali o le mammelle.  
 
Formazione reattiva: meccanismo di difesa per mezzo del quale una pulsione inconscia inaccettabile è convertita nel suo opposto, in modo da poter divenire conscia ed essere espressa. Per esempio l'odio verso una persona può essere trasformato in amore.  
 
Frustrazione: mancata gratificazione di un desiderio, oppure impedimento alla soddisfazione di un bisogno. È uno stato psicologico che si verifica quando un ostacolo blocca il conseguimento di un fine da parte di un organismo che sia motivato a conseguire quel fine.  
 
Fuga delle idee: flusso continuo di eloquio accelerato, con bruschi cambiamenti da un argomento all'altro, che sono basati di solito su associazioni comprensibili, stimoli che distraggono, o giochi di parole. Quando è grave, l'eloquio può risultare disorganizzato e incoerente.  
 
Fuga dissociativa: disturbo dissociativo che riguarda l'allontanamento improvviso e inaspettato da casa o dall'abituale posto di lavoro, accompagnato dall'incapacità di ricordare il proprio passato e da confusione circa la propria identità personale, oppure dall'assunzione di una nuova identità.  
 
A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z  
 
 
 
 
Dr.ssa Veronica Andreini   
Psicologo - Psicoterapeuta - Specialista in Neuropsicologia dello Sviluppo  
cell.: 3356695554    e-mail: andreiniva@inwind.it    AREZZO  
 
Copyright 2013 Dr.ssa Veronica Andreini - Via Roma 7 - 52100 AREZZO - p.iva 02037100514